Vecchi, giovani e propaganda ai tempi del Covid-19