Il rider (in)felice e il nuovo catechismo globale