Figure della strategia mainstream: i provocatori