Camilla e il meta-giornalismo dei talk show